Plusvalenza e Imposta di registro

Plusvalenza per chi vende e Imposta di registro per chi acquista

PLUSVALENZA IMMOBILIARE
La plusvalenza immobiliare
è quel guadagno realizzato con la vendita di un immobile a un prezzo più alto di quello di acquisto dopo, a distanza di 5 anni dell’acquisto stesso. Il Fisco tassa la plusvalenza immobiliare ai fini delle imposte sui redditi considerandola nella categoria redditi diversi.
La plusvalenza immobiliare, ossia il guadagno che si ottiene con la rivendita del bene, si realizza tramite una cessione a titolo oneroso, che oltre al trasferimento della proprietà può riguardare anche diritti reali. La tassazione della plusvalenza non riguarda tutti, ma esistono dei casi in cui non è prevista come quando l’immobile venduto è stato acquistato da meno di 5 anni, quando l’immobile non è pervenuto al venditore in seguito a una successione oppure quando l’immobile non è stato adibito a residenza del venditore o di un suo familiare.
Noi del Gruppo Immobiliare Promutico siamo a vostra disposizione per svolgere per voi in tutta trasparenza il calcolo dell'imposta dovuta sulla plusvalenza.

IMPOSTA DI REGISTRO
L'imposta di registro è un'imposta indiretta, che cioè colpisce il trasferimento di ricchezza come una compravendita immobiliare, ed è dovuta per la registrazione di una scrittura, pubblica o privata, ed è commisurata ai valori espressi nella scrittura medesima. La registrazione si effettua mediante la presentazione all’Ufficio del Registro di due copie dell’atto (tre copie, di cui una in carta libera, per gli atti pubblici – ossia quelli redatti davanti ad un pubblico ufficiale quale ad es. un notaio - o le scritture private autenticate: sono tali quelle rese davanti ad un pubblico ufficiale che attesta l’identità della persona che sottoscrive), delle quali una viene restituita all’interessato con la data e gli estremi della avvenuta registrazione.
Per i contratti di locazione ed altri atti relativi agli immobili è stata attivata una procedura di registrazione telematica, che sostituisce, con identiche caratteristiche, la presentazione diretta all’Ufficio. L'ammonatre dell’Imposta di registro è costituito dal valore dell’atto, ovvero dagli importi espressi in esso, con una aliquota percentuale o in misura fissa, secondo la tariffa prevista dalla legge.
Recenti disposizioni modificato le aliquote applicabili alle compravendite immobiliari, prevedendo una aliquota ridotta al 2% per l’acquisto della prima casa e una aliquota al 9% per tutti gli altri casi.
Fra i casi più frequenti:

  • contratto di locazione, 2%, con un minimo di € 67 alla registrazione;
  • trasferimento di immobili fra privati: 7% (a decorrere dal 1° gennaio 2014, 9%);
  • trasferimento di immobili destinati a prima casa: 3% (a decorrere dal 1° gennaio 2014, 2%);
  • trasferimenti di terreni non edificabili ad imprenditore agricolo: 8% (a decorrere dal 1° gennaio 2014, 9%);
  • trasferimenti di terreni da chiunque non ad imprenditore agricolo: 15% (a decorrere dal 1° gennaio 2014, 9%);
  • trasferimenti di altri beni mobili e diritti: 3%;cessione di azienda: 3%;
  • locazione di beni mobili: 3%; locazione di aziende 3% (oltre alla imposta di registro ordinaria sulla parte immobiliare). 
L'elenco che abbiamo riportato non può contemplare tutte le ipotesi di atto soggetto a registrazione, per le quali vi invitiamo a fare specifica richiesta al nostro studio tecnico, oppure consultare le apposite tabelle reperibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

CHIEDI INFORMAZIONI

GRUPPO PROMUTICO IMMOBILIARE

Via delle Nazioni Unite 27/35

00034 Colleferro RM


06 97080207

335 6282738


promuticoimmobiliare@yahoo.com

FACEBOOK

DOVE SIAMO E CONTATTI

Torna su